I bisogni del cane

La base di una Relazione

Per instaurare una corretta e appagante relazione con il nostro cane dobbiamo innanzitutto conoscere e soddisfare i suoi bisogni. I bisogni non realizzati possono sfociare in comportamenti indesiderati, che altro non sono che la necessità del nostro amico di comunicarci un disagio.

I bisogni del cane: la Piramide

Partiamo da un immagine che riassume tutto quello di cui parleremo in questo articolo. E' una piramide (una rivisitazione della piramide dei bisogni di Maslow per la precisione). 

Alla base della piramide troviamo i bisogni fisiologici, quelli legati alla sopravvivenza. Mangiare, dormire, bere, essere in salute, fare movimento ed essere liberi da stress. Non è un caso che siano la base su cui poggia tutto il resto, sono sicuramente i bisogni fondamentali per ogni individuo.

Salendo di un gradino troviamo i bisogni di sicurezza. Riguardano il sentirsi sicuri e tranquilli, liberi da paura. La mancanza di sicurezza genera stress e comportamenti inappropriati e/o di scarico emotivo.

I bisogni di appartenenza, sono quelli sociali. Fanno parte di essi il legame di attaccamento, il bisogno di sentirsi parte di un gruppo, le attività di gruppo e di cooperazione e la ricerca di uno status sociale.

I bisogni di accreditamento sono legati alla stima e al sentirsi capaci, apprezzati, importanti.

I bisogni di varietà riguardano la necessità di evadere dalla noia e dalla monotonia, attraverso attività ed esperienze anche in funzione di una crescita e un evoluzione personale.

Infine, sulla punta della piramide, troviamo i bisogni di realizzazione. Si riferiscono alla realizzazione della propria individualità, soddisfando le proprie vocazioni e le proprie potenzialità.

La piramide dei bisogni del cane, è una vera e propria gerarchia. Questo vuol dire che poter soddisfare i bisogni più evoluti abbiamo la necessità di passare prima attraverso quelli più elementari. 

Conoscere e soddisfare i bisogni dei nostri cani è nostra responsabilità, è un dovere e un privilegio.

Vi è piaciuto l'articolo? Condividetelo!